Questa è una raccolta di canti e filastrocche in uso a Tortora messami a disposizione da Maria Teresa Aurelio. Molti di essi sono comuni ad ambiti più o meno ampi a livello territoriale o regionale o interregionale. Cantati in dialetto tortorese con qualche piccola concessione fonetica all'uso di un dialetto comune all'area nord della Calabria.
Nell'accoglierli mi sono limitato solo a trascriverli in dialetto secondo le regole della nostra fonetica.
Esistono per la verità altre due diverse raccolte di altri canti dialettali tortoresi: una pubblicata dai fratelli Cozza Rosetta e Michele, l'altra di Annina Maceri pubblicata a cura della Scuola Elementare di via Falconara alla quale ho contribuito con la trascrizione in dialetto nel rispetto delle regole della fonetica tortorese.

Questa piccola antologia di brevi racconti è tratta dal libro 'Fàtti chi si cùndani' in cui ho raccolto scenette più o meno comiche raccontate attorno al focolare per passare il tempo nelle lunghe serate invernali assieme a parenti e vicini soli, che venivano a socializzare presso le famiglie più numerose, dando anche una mano nei lavori di spoglio e sgranatura del granturco o di sbaccellatura dei fagioli.

Questa piccola raccolta di detti è un florilegio tratto da una raccolta molto più estesa, da me pubblicata nel libro 'Il colore delle parole'. Alcuni, nel significato, trovano riscontro nei dialetti di altri paesi compresi in aree più o meno estese, altri sono propri del nostro idioma.
Si tratta di espressioni proverbiali che si prestano ad un commento a volte esplicativo, altre volte semiserio.

Questo florilegio di vocaboli non è il più rappresentativo del vocabolario tortorese, ma certamente ne dà un'idea. Si tratta di lemmi che si prestano ad un commento, a volte serio, altre volte tra il serio e il faceto.  

Annotando l'etimologia dei vocaboli tortoresi si rileva che la base del dizionario tortorese è la lingua latina, conseguenza della lunga permanenza della civiltà romana nel nostro territorio, a partire dal 200 a.C. fino al VII sec. d.C. . Ma anche dopo questo termine la latinità continuò qui a perdurare grazie alla presenza forte della Chiesa erede naturale dell'impero romano e alla derivazione etnica della popolazione degli abitanti di Blanda latina.
Successivamente si sono depositati su questa base termini provenienti dalle lingue dei vari dominatori di turno o da piccole minoranze esterne innestate nel contesto sociale di Tortora per motivi che via via sanno esposti.
Comunque questi apporti sono stati molto limitati.

Per l'Italia meridionale il XIX secolo fu un periodo denso di avvenimenti. Anche il nostro territorio, comprensivo del Cilento, della valle del fiume Noce, del paese e delle montagne di Tortora, dell'altopiano di Galdo, della valle del fiume Lao e della piana di Scalea, fu teatro di lotte e fatti di rilievo. Il secolo di apri con l'invasione dell'esercito napoleonico e la contrapposta resistenza dei locali che comportò violenze barbare da una parte e dall'altra. Successivamente notevoli furono la rivolta del Cilento, la vicenda di Pisacane, il passaggio di Garibaldi, l'accorpamento al regno di Piemonte e Sardegna e la realizzazione dell'unità italiana.

La cucina tortorese e le sue ricette sono quelle tipiche della tavola contadina, confezionate con i prodotti dei campi, degli orti e degli animali d'allevamento. Fra i prodotti dei campi emergevano l'orzo, il farro, il grano, il granturco, l'olio d'oliva. Fra gli ortaggi il posto d'onore era occupato dai legumi, seguivano i pomodori, i peperoni, le melenzane, le verdure, le cucurbitacee. Fra gli animali il primo posto toccava al maiale allevato da tutte le famiglie del paese, della marina e delle montagne, tranne da quelle più indigenti; in secondo luogo in montagna venivano gli ovini e come derivato il formaggio pecorino e caprino.

L'arredo della casa era confacente alla posizione sociale delle famiglie. I notabili e i professionisti abitavano in case ampie con molteplici vani arredati con mobili in stile secondo la moda del tempo: letti in alcove con baldacchino, comò e armadi con intarsi, tavole da pranzo lavorate, cristalliere ampie e specchiere arricchite con sculture, divani e poltrone con rivestimento di stoffa damascata, servizi di stoviglie in  porcellana fine con decorazione in rilievo e pitture, ecc.
Qui però riportiamo l'arredo essenziale delle case rustiche e spartane dei contadini e degli artigiani.

Gli artigiani a Tortora erano abbastanza numerosi e le loro attività erano più o meno fiorenti a seconda delle loro capacità. Le loro botteghe erano distribuite fra i vari rioni del paese. I più bravi lavoravano per i clienti più esigenti: notabili, professionisti e borghesi agiati. Gli altri per i popolani e i meno esperti per i montanari. 
I notabili e i professionisti, per risparmiare, li assumevano a giornata, ànni spìsi (con fornitura dei pasti), a casa propria per farsi eseguire i lavori per tutta la famiglia; era l'occasione che gli artigiani aspettavano per mangiare lautamente e abbondantemente, ma spesso rimanevano delusi, da cui il detto: addùvi ti crèdisi di féa' na bbòna mangéata ddéa' rimànisi dijùnu! proprio dove sei convinto di fare un lauto ed abbondante pasto proprio lì resti digiuno!

Le attività agricole prevedono delle attrezzature e degli operatori e seguono l'andamento stagionale. Si convergerà l'attenzione solo su quelle che comportano, oltre la coltivazione, anche la trasformazione dei prodotti in vista della loro conservazione per il consumo nella stagione invernale o comunque differito negli anni successivi.

Pagina 4 di 64
Go to top