Cu sìemina spìni nunn édda jì scàvuzu 

= Chi semina spine non deve andare scalzo.

Cu nun téni nnéndi chi fféa’ pìglia la gàtta e ra pìettina 

= Chi non ha nulla da fare prende il gatto lo pettina.

Cu nun fràvica e nu mmarìta, nun sàpi nnéndi di la vìta 

= Chi non costruisce una casa e non sposa una figlia, non conosce i problemi della vita.

A lìettu strìttu cùrcati ‘mmìenzu.

= Se il letto è stretto accomodati nel mezzo.

A ggéndi sénza fìgli, nì ppì ssòldi, nì ppì cunzìgli.

= a persone senza figli, non chiedere né soldi, né consigli.

A chjòvi e a mmurì nun ci vo’ nnéndi

= a piovere e a morire non ci vuol niente

La zafaréana piséata 

La materia prima di questo intingolo era un trito di peperoni essiccati al sole infilati con lo spago per il picciolo in corone (nzérti)

Ingredienti:

1 Kg di farina
6 uova
250 gr di zucchero
1 bicchiere di olio di semi
4 bustine Pane Angeli
1 limone grattuggiato 
Per la glassa:
2 albumi di uovo e 500 gr. di zucchero 

Preparazione:

Impastare gli ingredienti. Per la cottura della forma a ciambella nel forno tradizionale a legna fare un impasto duro e consistente come la pasta del pane; per la cottura della forma a torta in teglia nel forno elettrico ammorbidire l’impasto con latte.

Cospargere la parte superione con la glassa preparata a parte e con codette (diavulìeddi).

Cuocere in forno-

Michelangelo Pucci

La pòngia

Ingredienti: melanzane, peperoni, pomodori, formaggio, basilico, un ciuffetto di origano, aglio, olio o strutto, sale.

La frascàtula cu la pummadòra 

Ingredienti: farina granulosa di granturco, salsa di pomodoro, carne di maiale, erbe aromatiche, olio o strutto, sale.

Pagina 7 di 64
Go to top