Cognomi tortoresi

La storia dei cognomi tortoresi si rileva dalla consultazione degli atti anagrafici registrati nell'archivio parrocchiale: battesimi, matrimoni, morti. Il prospetto seguente riporta  dati tratti dagli atti dei battesimi riferentisi al periodo 1524-1910: accanto ai cognomi è indicato il numero dei battesimi che denota l'ampiezza delle famiglie, l'anno del primo battesimo, l'anno dell'ultimo battesimo. Se quest'ultimo dato supera l'anno 2000 indica che il cognome è ancora presente a Tortora. La colonna "origine" indica il luogo di provenienza del cognome; la colonna "titoli" segnala i titoli professionali di componenti della famiglia. Per lo più l'appellativo "don" (dal latino dominus) originariamente derivò ad uno o più rami della famiglia dall'ordinazione sacerdotale di un loro componente che comportava la loro promozione sociale e una agiatezza economica che permetteva l'accesso di altri componenti all'acquisto di proprietà immobiliari, agli studi umanistici e alle professioni liberali (avvocati, notai, farmacisti, medici). Il titolo distintivo nobiliare spettava al solo feudatario non tortorese: barone, duca, principe. 
La mancanza dell'indicazione di titolo professionale significa che le famiglie di quel cognome erano di estrazione artigianale o contadina: piccoli proprietari coltivatori diretti, braccianti  e pastori.

cognomi numero battezzati
IDCognomenum battezzatia_ingressoa_uscitaoriginetitoli
1 Ponzo 1053 1524 2016 Tortora 1 arcipr, 10 sacerdoti, sig,don,mag.ci,giudici,notai,
2 Chiappetta 712 1644 2016 non indicata  
3 Cunto 660 1525 2016 Tortora 3 arcipr, 12 sacerdoti
4 Guerrera, Gorrera 546 1524 2016 Tortora 2 arcipr,10 sacerdoti,un magnifico
5 Arleo 505 1525 2016 Tortora 2 arcipr,4 sacerdoti,un giudice a contratti
6 Gabriele 484 1524 2016 Tortora 1 arcipr,6 sacerdoti,don,notaio,dottore fis,
7 Perrello,i 436 1525 2016 Tortora 4 arcipr,8 sacerdoti,sig, don, mag.ci, dott.fis, dott.legge, notaro
8 Lamboglia, Limboglia, L'Imboglia 395 1647 2016 non indicata  
10 Manzi, o, Manso 375 1526 2016 Tortora 4 sacerdoti, don, mag., notaro
11 Rattacaso, Grattacaso 364 1525 2016 Tortora 2 sacerdoti
12 Capua 363 1524 1960 Tortora 1 arcipr,5 sacerdoti,don
13 Laino, Layno 316 1524 2016 Tortora 2 arcipr,1 sacerdote
14 Fulco 314 1597 2016 Aieta  
15 Oliva 303 1671 2016 Papasidero, Laino  
16 Maceri,i 291 1550 2016 Tortora 2 sacerdoti,don,dottor fisico,dr.chirurgo
17 Pagano 281 1524 2016 Tortora 1 sacerdote,notaio
18 Laprovitera, La Provitera 275 1576 1950 Tortora, Aieta  
19 Pucci 261 1566 2016 Tortora dottori fis.
20 Longo 245 1534 2016 Tortora 1 sacerdote
21 Lippo 245 1525 2016 Tortora 2 sacerdoti,un notaio
22 Lauria 244 1529 1960 Tortora don,dottori
23 Mazzillo, i 235 1604 2016 Scalea  
24 Grassi 223 1525 1960 Tortora 1 arcipr,3 sacerdoti,don
25 Jorio 214 1749 2016 Aieta  
26 Melazzo, a, i, Malazzo,a, Malatio 210 1524 1838 Tortora 1 arcipr,15 sacerdoti,sig, don, mag.co
27 Russo 204 1540 2016 Aieta, Laino, Papasidero  
28 Papaleo 202 1651 1960 non indicata (Lauria? Maratea?) 1 sacerdote,
29 Casella 181 1662 1882 Bombicino (Buonvicino)  
30 Altieri 177 1525 1960 Tortora 2 sacerdoti,magnifici
31 Filardi 172 1651 2000 Lauria  
32 de Francesco 169 1571 2016 non indicata 2 sacerdoti,notai,dottore
33 Albanese 169 1525 1898 Tortora  
34 de Paola 168 1708 2016 non indicata  
35 Oliveto 147 1687 1950 Viggianello  
36 Sarubbi, o 135 1568 2016 Lauria, Aieta  
37 Maramaldo 132 1582 1793 non indicata  
38 Lagamma, La Gamba 126 1525 1833 Tortora 1 sacerdoti,un don, un signore, dottor fis.,
39 Pascale 125 1528 1816 Tortora 6 sacerdoti,mag.ci
40 Saluce 122 1695 2016 Cirella  
41 Leone 116 1585 1980 non indicata 1 arcipr,3 sacerdoti,don
42 Bruno 113 1664 2016 Catanzaro  
43 Petrucci 110 1740 2016 Castelluccio  
44 Moliterni, o 103 1748 2016 Aieta 1 sacerdote
45 Libbovi, delli Bovi 102 1596 1895 non indicata  
46 San Giovanni 100 1659 1835 Mormanno  
47 Limongi 95 1825 2016 Lauria  
48 Carluccio 95 1593 2016 Lauria  
49 Marino 91 1678 2016 Maratea  
50 Nappi, o 83 1525 1645 Tortora 2 arcipr,5 sacerdoti,giudice a contratti, notaio
51 Jannini 82 1739 2016 Trecchina, Fiumefreddo, Trecchina  
52 Frangigliotta 81 1532 1735 Tortora 2 sacerdoti
53 Saporito 77 1526 1814 Tortora  
54 Pesce 73 1525 2016 Tortora 1 arciprete,
55 Jaselli 73 1730 2016 Maratea un magnifico
56 Cicalese 71 1761 2016 Aieta un magnifico
57 Candia 70 1660 1867 Aieta  
58 Tramutola 65 1666 1854 non indicata  
59 Salmena 65 1712 2016 Morano 2 arcipr,1 sacerdoti,don,mag.co,dottor fisico
60 Sifando 62 1524 1654 Tortora mag.co
61 Cifone, Gifone 62 1710 1867 Bosco (SA) 1 sacerdote
62 Cupparo 62 1665 2000 non indicata 1 sacerdote
63 Vannella 61 1752 2016 Palermo  
64 Imperio 61 1841 2016 Lauria  
65 Verderame 59 1575 1870 Trecchina? 1 sacerdote
66 Marco 59 1525 1790 Tortora  
67 Blanno (Blando) 58 1785 1891 Morano  
68 Lanzillotti, Langillotti 56 1756 1990 Aieta  
69 Curoso 56 1799 2000 Papasidero  
70 Manfredi, a, o 55 1645 2000 non indicata 1 sacerdote,sig, don. Mag.co
71 Anatra 49 1646 1769 Aieta. Lauria, Laino  
72 Ferraro 48 1533 1655 Tortora  
73 Rossi 46 1525 1920 Aieta, Lauria  
74 Cilento 43 1762 1855 Maratea  
75 de Mellis 42 1550 1855 non indicata 2 sacerdoti,sig, don, mag.co, notai,dottori
76 Panza 39 1751 1881 Maratea  
77 Gazzaneo 38 1719 1900 Aieta  
78 Sanguinetti 37 1817 2016 Genova sig, don
79 Cozza,i 37 1605 2016 Aieta (Cozza), Lauria (Cozzi) 1 sacerdote
80 Marsiglia 36 1826 1990 Aieta don, sig, notaro
81 Jannotti 35 1720 1887 Fiumefreddo,  
82 de Gliolo 35 1577 1670 non indicata  
83 Mascero 34 1564 1719 non indicata  
84 Schettini 33 1772 2016 Maratea  
85 Perrone 33 1606 1950 Aieta? Non indicata  
86 Maccarone 33 1525 1648 Tortora (è rimasto come soprannome) 4 sacerdoti
87 Lomonaco 33 1931 2016 Aieta don,dottor fis
88 Forastiere,a,i,o 32 1665 2016 Papasidero  
89 Greco 31 1525 1723 Tortora, Castrocucco? 2 sacerdoti,un magnifico
90 Beneditto 31 1525 1696 Tortora, Trecchina?, Papasidero?  
91 Nicodemo 30 1764 1898 Aieta  
92 Perretta 29 1646 1785 non indicata  
93 Mazzei 29 1670 1889 non indicata, Maratea? 1 arcipr,2 sacerdoti,sig. don, mag.co
94 Giugni 28 1759 1891 Aieta don,dottor fis,
95 Panaino 26 1535 1886 Laino  
96 Lacava 25 1824 2016 Aieta  
97 Lagioia, La Gioia 24 1778 2016 Aieta  
98 de Presbiteris 24 1823 2016 Aieta  
99 Carlomagno 24 1815 2016 Lauria  
100 Scirivante 22 1549 1653 non indicata  
101 Gavarretta 22 1525 1590 Tortora 2 sacerdoti
102 Papa 21 1721 2016 Aieta  
103 Jeno 21 1716 1876 Laino  
104 Corrado 21 1647 1853 non indicata  
105 Genovese 20 1685 1807 non indicata  
106 Florio 20 1855 2016 non indicata signori,don
107 Stoppello, Stuppello 19 1856 2016 Lauria  
108 Bloise 19 1796 1846 Aieta  
109 Maiorano 18 1753 2000 Aieta  
110 Capaccia 18 1526 1598 Tortora  
111 Bello 18 1568 1970 Aieta  
112 Pepe 17 1822 1940 Scalea  
113 Maimone 17 1818 2016 Maratea  
114 Grisolia 17 1667 1854 Papasidero, Aieta  
115 Fittipaldi 17 1723 1837 Lauria  
116 Vitale 16 1702 1755   don,ecc.za,sig,barone,duca
117 Vitale 16 1702 1755   duca di Tortora
118 de Simoni 16 1525 1653 Tortora 1 sacerdote
119 D'Angelis 16 1704 1758 non indicata  
120 Bilotta 16 1733 1766 Mormanno  
121 Perfetto, i 15 1752 1877 Aieta  
122 Biondo 15 1726 1788 non indicata  
123 Vecchio 14 1810 2016 non indicata  
124 Riccardi 14 1839 2016 Aieta don (il primo)
125 Motta 14 1658 1683 Scalea  
126 Grimaldi 13 1849 2016 Aieta  
127 Pasquale 12 1723 1742 non indicata  
128 Miranda 12 1897 2000 non indicata, Aieta?  
129 Esposito 12 1709 1787 non indicata, Castrocucco?  
130 Serrao 11 1526 1689 Tortora  
131 Ricciardi 11 1872 2016 Lauria  
132 Pagliaro 11 1663 1717 Mormanno  
133 Mercadante 11 1726 1785 Torraca  
134 Gomarino, Gombarino 11 1536 1671 Maratea  
135 de Masellis 11 1705 1730 Napoli 1 sacerdoti,due magnifici
136 de Cicco 11 1529 1574 Tortora  
137 Caputo 11 1885 1903 non indicata don
138 Caporale 11 1691 1746 non indicata, Reggio Calabria?  
139 Brando 11 1763 1802 Maratea  
140 Ardizzone 11 1527 1607 Tortora 1 arciprete,1 sacerdote,don
141 Sindico 10 1659 1687 Laino  
142 Filalana 10 1535 1602 Tortora  
143 Crisci 10 1736 1774 Lauria 1 sacerdote
144 Volpe 9 1879 2016 non indicata  
145 Stillitani, o 9 1898 1909 non indicata  
146 Palladino 9 1887 2016 Maratea?  
147 Prestia 8 1894 2016 non indicata  
148 Leonardis 8 1694 1708 Papasidero? don, sig.
149 La Greca 8 1719 1741 Papasidero  
150 Faviero,i,e 8 1646 1849 Aieta  
151 Romano 7 1750 1797 Aieta  
152 Pignataro 7 1734 1750 Maratea, Castrocucco  
153 Majolino 7 1753 1800 Rivello, Papasidero  
154 di Deco 7 1884 2016 Lauria  
155 de Sciglio 7 1576 1603 non indicata  
156 Montisani 6 1577 1601 non indicata 1 sacerdote
157 Rinaldo 6 1702 1725 Rotonda  
158 Rimola 6 1824 1832 Laino  
159 Pisciotta 6 1651 1668 non indicata  
160 Marigliano 6 1882 1907 Mormanno, Laino  
161 Mammì 6 1896 1990 non indicata  
162 Latella 6 1898 2016 non indicata (Maratea? Aieta?)  
163 La Vena 6 1755 1779 Aieta  
164 Fondacaro 6 1893 2016 Balvearia (Belvedere?)  
165 Croso 6 1826 1843 Aieta  
166 Bianco 6 1738 1745 Aieta  
167 Amato 6 1771 1800 non indicata  
168 Ravese 5 1900 1960 non indicata  
169 Ragazzo 5 1696 1714 Lauria  
170 Pandolfo 5 1646 1715 non indicata  
171 Palermo 5 1725 1730 Laino  
172 Palagano 5 1735 1753 Viggianello  
173 Nuzzo 5 1766 2016 non indicata  
174 Musella 5 1786 1795 Miano (NA) mag.co
175 La Padula 5 1752 1776 Aieta  
176 Curcio 5 1755 4779 Maratea  
177 Civano 5 1660 1674 Viggianello  
178 Argirò 5 1877 2016 non indicata  
179 Tortora 4 1707 1745   sig, don, mag.co
180 Cappelli 4 1881 1890 non indicata don, dottore in legge
181 Zaccara 4 1597 1606 Lauria  
182 Montesano 4 1861 2016 Aieta  
183 Matellicani 4 1894 2016 non indicata  

 

 

Un’educazione intesa come guida e aiuto a far crescere e a far sviluppare una personalità equilibrata mentalmente, emotivamente, socialmente e moralmente di un nuovo essere umano deve avere inizio fin dal suo concepimento. Egli deve poter percepire, in ogni fase del suo sviluppo, di essere voluto, desiderato, atteso, curato con amore.
Il terreno di coltura ideale per una corretta educazione è una famiglia stabile, non importa se originata da un matrimonio o da una unione di fatto, costituita da un uomo e da una donna, fra loro uniti da solidi sentimenti di amore.
Per il successo dell’educazione sono importanti le esperienze sociali e oggettive del bambino.  

Esperienze sociali

La famiglia è la prima istituzione preposta all’educazione, come primo ambiente di formazione.
Il neonato, il bambino, il fanciullo, l’adolescente hanno bisogno, come punti di riferimento, di figure maschili e figure femminili, che rappresentino modelli con cui essi possano confrontarsi, esempi da imitare, in cui trovare sostegno, guide e moderatori.
Il maschietto ha bisogno di una figura maschile che funga da termine di confronto e scontro nella fase edipica e da modello da imitare nei momenti di costruzione della sua identità maschile; ha bisogno di una figura femminile che, nella fase edipica, rappresenti il termine cui attaccarsi per l’esercizio costruttivo della sua mascolinità.
La femminuccia ha bisogno di una figura femminile che sia il termine di confronto e scontro nella fase edipica e da modello da imitare nei momenti di costruzione della sua identità femminile; ha bisogno di una figura maschile, essenziale termine di attaccamento per l’esercizio costruttivo della sua femminilità.
Per questi effetti è necessario che la stabilità familiare duri almeno per tutto il periodo dell’età evolutiva dei figli.
Nella loro funzione di guida e di moderazione queste figure devono essere in grado di somministrare con equilibrio soddisfazioni e frustrazioni.
I genitori tengano sempre presente che il rapporto con i figli deve essere basato sul rispetto. Il rimprovero o la punizione, quando necessari, non devono essere umilianti o fatti percepire come privazione di amore, ma sempre come mezzo per ristabilire un equilibrio rotto di regole di vita. La leva più importante della formazione del carattere dell’individuo è la sua fiducia  nelle proprie capacità e il successo nelle proprie attività, da cui deriva il suo senso di sicurezza. Tutto ciò sarà possibile se i genitori per primi hanno fiducia nelle capacità e nelle possibilità di successo dei figli, fiducia esternata con espressioni e con l’affido di incarichi che portino al successo. 

Esperienze oggettive

Sono esperienze sulle cose e con le cose in un ambiente che dia sicurezza.
La casa è il primo ambiente oggettivo in cui il bambino compie le prime esperienze sensoriali,  visive, uditive, tattili, olfattive, gustative,  sugli oggetti e con gli oggetti di arredamento e con le cose naturali fuori dell’abitazione. Dall’età dell’autonomia in poi calamitano l’interesse e l’attenzione dei bambini la terra, l’acqua e il fuoco. Essi amano scavare buche, spalare il terriccio o sabbia, far scorrere l’acqua, accendere il fuoco, arrampicarsi sugli alberelli, giocare con piccoli animali: insetti, anfibi e mammiferi, manovrare i giocattoli, soprattutto quelli con i quali è possibile interagire e che è possibile smontare e rimontare. Questi sono importanti mezzi per guidare lo sviluppo dei preadolescenti, dalla culla all’adolescenza, a patto che siano scelti con oculatezza; non tutti i giocattoli sono equivalenti: ogni fase di crescita richiede una determinata categoria di mezzi ludici atti a stimolare attività che alimentino gli interessi, esercitino le capacità intellettuali ed operative proprie di quell’età e proiettino lo sviluppo verso la fase successiva.
E’ importante che gli educatori li lascino liberi di fare queste esperienze pronti a soddisfare ogni loro richiesta di aiuto senza sostituirsi a loro e a lasciarli fare da sé non appena essi manifestino l’intenzione di proseguire da sé, limitandosi a garantire, sia preventivamente sia nel corso delle attività, che le esperienze dei minori avvengano nel rispetto delle regole di massima sicurezza. Una delle regole d’oro dell’educazione è che il bambino quante più esperienze fa e quanto più fa da sé tanto più e meglio impara e tanto più e meglio sviluppa le sue capacità.

 

 

L'educazione

Per capire che cos’è l’educazione dobbiamo tener presente il concetto di cultura.

Gli animali risolvono i problemi esistenziali di nutrimento, di riproduzione e di organizzazione sociale avvalendosi degli istinti e di apprendimenti elementari che si avvalgono del meccanismo dell’imitazione e del condizionamento (riflessi condizionati).

Gli esseri umani, dall’epoca in cui cominciarono ad usare strumenti e a fabbricarli nel paleolitico e continuarono a perfezionarli nel neolitico, da quando via via nelle età del rame, del bronzo e del ferro svilupparono  le tecniche di addomesticamento e allevamento del bestiame, di agricoltura, di costruzione di edifici, di tessitura di stoffe per vestirsi, della lavorazione della terra cotta, da quando hanno imparato a comunicare con parole e frasi e ad arricchire il loro linguaggio, dal punto di vista lessicale, grammaticale e sintattico, da quando hanno incominciato a vivere in comunità sempre più numerose e strutturate, dal momento in cui inventarono la scrittura e ad affinare i loro comportamenti sociali, per risolvere i loro problemi esistenziali hanno dovuto servirsi di tecniche culturali che sono diventate nel corso dei secoli sempre più numerose e complesse.

Tanto numerose e complesse che per apprenderle le nuove generazioni non potevano più contare sulla sola imitazione ed sulle altre modalità di apprendimento semplice. Erano necessari un tempo e un’attività intenzionale, da parte di alcuni adulti a ciò preposti e in pieno possesso di quelle tecniche, per l’iniziazione, l’ammaestramento, l’istruzione e la formazione dei giovani alle tecniche culturali. Questa attività è l’educazione, che con il passare dei secoli, è divenuta essa stessa un complesso di tecniche, una professione e un’arte di specialisti ed ha richiesto sempre più tempo. Oggi i giovani concludono gli studi fra i 25 e i 30 anni. Occorre cioè la terza parte della durata della vita media per acquisire presso le strutture formative la cultura necessaria per esercitare una professione. Ma il processo educativo non si conclude a questo limite perché il professionista prosegue per tutta la sua vita ad arricchire autonomamente la sua cultura per affinare le sue competenze al fine di risolvere i problemi sempre nuovi e diversi della sua professionalità.

L’educazione, se è nata come attività di trasmissione della cultura dalla generazione adulta a quella giovane, oggi è attività che non si limita a trasmettere soltanto, ma istruisce le menti, induce a comportamenti corretti e forma abilità e capacità a tutti i livelli, soprattutto quella di creare nuova cultura.

 

                                 Michelangelo Pucci

 

L'uomo si è evoluto nel corso di milioni di anni grazie alle mutazioni genetiche e alla selezione naturale che ha operato anche in virtù delle acquisizioni culturali. A mano a mano che il bagaglio dei saperi e delle tecniche operative è aumentato quantitativamente e qualitativamente è occorso sempre maggior tempo e attività sempre più specifiche e diversificate da parte di persone specializzate nella sua trasmissione dalla generazione adulta a quella giovane. Inizialmente, quando questo bagaglio era limitato a saperi e a tecniche elementari è stato sufficiente che i giovani li apprendessero imitando gli adulti. Successivamente è stato compito dei genitori, poi degli anziani della comunità trasmetterli. Con la scoperta della scrittura e lo sviluppo delle varie arti, dalla letteratura alla filosofia, dalle produzioni artigianali alla creazione artistica in architettura, scultura e pittura, è stata necessaria una organizzazione sempre più complessa e specializzata per insegnarli. Il complesso dei saperi, delle tecniche e delle arti che regolano la vita umana è chiamato Cultura. L'attività di trasmissione della cultura è detta Educazione. Negli ultimi due secoli si è fatta strada l'idea che l'educazione non è solamente trasmissione, ma anche e soprattutto insegnamento a creare e a promuovere la cultura.
Per la verità, per sua stessa natura, la cultura è dinamica, nel senso che l'uomo fin dai millenni più remoti l'ha modificata secondo i suoi bisogni, l'ha migliorata e ad arricchita progressivamente, ma nessuno gli insegnava a farlo. In quest'ultimo secolo la scuola è andata modificandosi nei metodi e nei contenuti proponendosi consapevolmente di insegnare a fare cultura.

 Il termine "autorità" può indicare le persone fisiche preposte ad organi che esercitano un potere (le autorità regionali), anche il complesso delle persone di un organo (l’autorità giudiziaria, l’autorità di pubblica sicurezza) o anche persone fisiche particolarmente competenti e versate in una disciplina o arte (il prof. Tali è un’autorità in critica d’arte). 
Il vocabolo indica pure dei concetti astratti, a seconda del contesto può significare ‘superiorità’ (la nostra squadra ha vinto con autorità), anche stima, fiducia, credito di cui una persona gode per doti, qualità e meriti acquisiti in un determinato campo (il prof. Caio gode di una grande autorità nella medicina), come pure testimonianza o esempio autorevole (lo dico sulla base dell’autorità di Aristotele). 
In ultimo designa il potere legittimo di una persona di determinare, di decidere, di farsi obbedire, di condizionare, di esercitare una guida sulla volontà o sullo spirito di altre persone. 
Questo potere può discendere da un diritto naturale (l’autorità dei genitori nei confronti dei figli minorenni), dall’ordinamento giuridico (l’autorità amministrativa, l’autorità degli educatori scolastici), da libera scelta dei soggetti (le autorità politiche), dalle qualità, dalle doti, dai meriti personali, dal carisma di particolari personalità che attirano la stima e la fiducia di chi a loro si affida informalmente. 
Il vocabolo ‘autorità’ discende da quello latino ‘auctoritas’, che a sua volta deriva dal verbo ‘augeo’ che si traduce in italiano con ‘faccio crescere’, ‘faccio aumentare’, ‘faccio ingrandire’, ‘rendo fecondo’, ‘innalzo, arricchisco’ uno. 
Da ciò si deduce che il vero senso dell’autorità non è quello di esercitare comunque un imperio, un dominio, ma quello di promuovere la crescita, lo sviluppo, la produttività, l’elevazione, l’arricchimento morale ed intellettuale dei soggetti. In questa prospettiva l’autorità non è l’esercizio di un dominio, ma la prestazione di un ‘servizio’ a favore degli altri. 
Il Maestro per eccellenza nato a Betlemme disse: “il figlio dell’uomo … non è venuto per essere servito, ma per servire …” (Matteo 20, 28). Agostino di Tagaste nel V secolo fondava il rapporto maestro-discepolo sull’amore (De catechizandis rudibus). Il pedagogista Raffaello Lambruschini nel 1800, assumendo una posizione rivoluzionaria per i suoi tempi ma in piena consonanza con i suoi due precedenti ispiratori, affermava che l’educatore nell’esercizio della sua autorità deve porsi come colui che esplica un servizio nei confronti dell’educando.
Se nelle società rette da governi dispotici l’autorità è identificata con il potere e si confonde con il dominio, nelle società democratiche invece, nelle quali l’esercizio del potere è sempre più l’effetto di una delega popolare, si va sempre più affermando il concetto di un’autorità intesa come servizio sconvolgendo non solo i rapporti politici, ma ogni altro tipo di rapporto sociale, da quelli familiari a quelli di lavoro, da quelli educativi a quelli burocratici o, in genere, a quelli che si instaurano in uno qualunque dei servizi pubblici. 
Questo però non vuol dire che i destinatari del servizio diventino arroganti nuovi padroni, titolari di un dominio rovesciato. Fra i due termini del rapporto vi è sempre uno squilibrio, non umano, non civile, ma di competenza. Da una parte vi è una competenza messa a disposizione, dall’altra vi è richiesta di beneficiarne. La messa a disposizione della competenza avviene in obbedienza ad una disciplina costituita da regole poste a garanzia delle due parti e da un codice non scritto che suggerisce toni e modi umani e civili tali da obliterare quello squilibrio.

                                                                 Michelangelo Pucci

Gli uomini sono per natura portati ad associarsi. L'istinto per natura, il bisogno per cultura inducono maschio e femmina ad unirsi principalmente per produrre la prole, per nutrirla, difenderla ed educarla. La famiglia è il nucleo originario della società, nella quale già appare la differenziazione dei ruoli e dei compiti. Ma la famiglia nucleare non è sufficiente per assicurare sempre e comunque la sopravvivenza. La raccolta della frutta, dei germogli, delle erbe, dei  molluschi, la caccia agli animali selvatici richiedono la collaborazione di più adulti appartenenti a famiglie diverse; più famiglie si riuniscono in tribù. Quando la caccia non è più sufficiente si passa all'allevamento del bestiame, che richiede un allargamento ulteriore della famiglia che diviene patriarcale. In seno a questa i ruoli e i compiti si differenziano ancora. Aumentando la popolazione non è più sufficiente la raccolta dei frutti spontanei per cui si rende necessaria l'agricoltura. Questa comporta una maggiore efficienza e diversificazione sociale richiamando e riunendo un numero sempre maggiore di persone in centri abitativi più estesi che assicurino anche i servizi. Si arriva così a costituire le città con la loro organizzazione amministrativa e politica. L'associazione di più città porta all'istituzione degli Stati. Città e Stati nel loro sviluppo politico si trovarono ad attuare progressivamente i modelli di organizzazione politica e sociale monarchico, aristocratico e democratico. Con questo non vuol dire che tutte le città e Stati si siano sviluppati secondo questo schema tutti contemporaneamente, né che tutte le società abbiano percorso lo stesso iter evolutivo. Ci sono ancora oggi degli uomini che vivono allo stato tribale, altri sono fermi all'organizzazione patriarcale, altri ancora per millenni sono rimasti sotto il potere monarchico, altri infine, dopo aver percorso l'intero iter dei modelli, sono retrocessi ad uno stadio precedente.
Da quanto detto risulta che la successione dei modelli di sviluppo non è cronologica né storica, ma interpreta uno schema ideale di sviluppo politico e sociale valido per intero in alcune epoche storiche e per alcuni popoli delle civiltà occidentali: Greci e Romani nell'epoca classica e popoli dell'Europa occidentale in quella contemporanea.

Il modello aristocratico porta alla divisione della società dei cittadini (gli uomini liberi) in due classi disuguali per numero e per diritti: la classe nobile, ristretta per numero, titolare dei diritti politici e quella del popolo, più numerosa, costituita dagli uomini liberi:  proprietari produttori, mercanti, intellettuali, ecc., comunque fruenti di un reddito e come tali obbligati a pagare un contributo per l'amministrazione della Polis e tenuti al servizio militare ma non titolari dei diritti politici. Le persone che per vivere prestavano, o per conto proprio o per conto di altri, un lavoro manuale retribuito non erano ritenute uomini liberi e quindi non cittadini. 
I rapporti cambiano in seguito alle guerre esterne. L'apporto determinante per la vittoria sui nemici della seconda classe induce la classe dominante a riconoscere a più riprese l'esercizio dei diritti politici di voto attivo e passivo a cerchie sempre più allargate di fruitori con censo sempre più basso, fino a comprendere quelli che fossero in grado di sostenere le spese per il proprio armamento nell'esercito. Si arriva così al modello democratico. Non è ancora la democrazia, come la intendiamo oggi, aperta all'esercizio dei diritti politici da parte di tutti, senza alcuna distinzione. E' una democrazia che riconosce i diritti politici a tutti i cittadini, solo che erano ritenuti cittadini solo i maschi che fruivano di un certo censo. Per giungere al modello di democrazia moderno bisogna arrivare alla fine della seconda guerra mondiale (1939-1945) quando viene riconosciuto il diritto di voto attivo e passivo anche alle donne.

Al modello aristocratico si perviene per indebolimento di quello monarchico. Per la conquista, il mantenimento, la difesa, il governo e l'amministrazione del regno il re ha bisogno di un esercito, di generali, di governatori, di amministratori, di cortigiani. Queste figure vanno a costituire una classe scelta e privilegiata educata a gestire il potere. Quando il potere monarchico si indebolisce gli subentra quello di questa classe che, nel gestirlo, si dà delle regole stabilite di comune accordo. Si mette in moto così un nuovo sistema politico fondato non sulla forza ma sulla legge, espressione di una pluralità di soggetti. Ne è un esempio la costituzione della Repubblica a Roma dopo il periodo monarchico, dove il potere passò nelle mani delle gentes patrizie che lo esercitavano per il tramite del Senato, l'affermazione delle poleis nella prima fase del loro sviluppo nella Grecia postmicenea.

Una riflessione sui sinonimi ci porta alla conclusione che il significato di un termine non coincide perfettamente con quelli di ciascuno dei suoi sinonimi. Qui se ne riportano alcuni esempi. Per uno studio più esteso ed approfondito si rimanda ad opere appropriate, in modo particolare al Dizionario dei sinonimi della lingua italiana di Niccolò Tommaseo.

Le case signorili si distinguevano dalle case dei "cafoni" per una molteplicità di elementi:
- l'estensione, il numero dei vani e la collocazione a primo piano;
- la configurazione e la distribuzione degli spazi esterni ed interni;
- la presenza di un cortile interno più o meno ampio;
- la presenza di una scalinata più o meno importante per accedere dal cortile al piano nobile;
- l'arredo e la decorazione degli ambienti;
- la presenza di un portone di ingresso più o meno grande.

Il primo segno distintivo esterno che si notava avvicinandosi all'abitazione era il portale che ornava l'ingresso. La grandezza e la decorazione rivelava il grado sociale di appartenenza di chi vi abitava. Un portale litico ad arco denotava una casa di notabili: 
a) quelli grandi che consentissero il passaggio di una cavalcatura o di una bestia da soma a pieno carico e decorato con sculture e stemma gentilizio segnalavano l'ingresso di abitazioni tipo "domus" con cortile interno, proprie di notabili di alto rango;
b) portali grandi non decorati ma con stemma gentilizio e con cortile interno indicavano abitazioni di notabili di secondo rango;
c) portali litici normali anche decorati con sculture e stemma gentilizio, anche se non consentivano il passaggio di un animale da soma carico, segnavano l'ingresso di abitazioni di notabili di terzo rango;
d) portali litici non decorati di grandezza normale segnalavano le abitazioni di notabili di quarto rango;
e) portali ad arco realizzati in  malta di calce indicavano le case di non notabili ma di ricchi proprietari terrieri o di benestanti artigiani.

Portali monumentali:
- portale litico scolpito della casa Lomonaco, a 'Mbedilaterra;
- portale li
tico della casa Perrelli, in corso Garibaldi, fra il palazzo Casapesenna e la Chjàzza;
- portale litico interno del palazzo Casapesenna;
- portale litico con nervature della casa Lagamma, a inizio via di Mìenzu;
- portale litico della casa d'Arleo, in via Tirrone;
- portale litico scolpito della casa Grassi, in vico Garibaldi II;
- portale litico con nervature della casa Leone, a inizio via Carroli;
- portale litico della casa Marsiglia, in zona Grangìja a fine via Carròli;
- portale litico a conci bugnati del chiostro del Convento, in  zona Capulischéali.

Pagina 1 di 64
Go to top